lunedì 24 ottobre 2011

Metti che una sera invece di dormire…

… ti viene la brillante idea di consumare un paio di chili di uva fragola che tuo suocero ti ha gentilmente portato dal giardino… metti che non sopporti proprio l’idea di utilizzarla con i semini perché poi li dovresti mangiare e la cosa non ti piace…. metti che la mamma sta preparando una torta salata con le bietole per il giorno dopo….

…. va a finire che alle due di notte ti ritrovi la cucina così !



La parte più bella… è stata pulire dai semini i due chili d’uva fragola (che poi… cavolino… son quasi più grandi i semi dell’acino !!) … mia mamma si stava addormentando con l’uva in mano!!!
Che lavoraccio…

Ho preparato una torta e una focaccia dolce…. buone entrambe.. la torta perfetta per la colazione… ma la focaccia è davvero particolare, molto molto buona ed anche se l’ho lasciata cuocere troppo si è mantenuta bella soffice! Dei due chili di uva ne ho utilizzato un chilo per torta e focaccia, diciamo ad occhio un po' in più nella torta (e con il chilo restante stamattina ho preparato una deliziosa confettura!)

FOCACCIA DOLCE ALL’UVA FRAGOLA


Ricetta di qualche anno fa trovata qui

Ingredienti

300 g farina 00 (io ho fatto 150 di 00 e 150 di farina 0)
30 g zucchero
160 g acqua
5 g lievito (una bustina di lievito secco)
3 g sale
15 g burro
1/2 cucchiaino malto (non ne avevo, sostituito con zucchero)

uva fragola q.b.
olio
zucchero

Ho impastato tutto nel bimby e l’ho poi lasciato lievitare per un paio d’ore al calduccio.





Al termine del riposo ho steso l’impasto nella teglia del forno ricoperta con un foglio di carta forno leggermente unto d’olio e l’ho steso (la ricetta prevedeva di incorporare a questo punto l’uva all’impasto e poi stenderlo, ma io ho messo l’uva solo in superficie perché avevo paura non mi piacesse se ne mettevo troppa), ho ricoperto con l’uva e lasciato lievitare un’altra mezz’ora.

Ho passato un filo d’olio in superficie, una spolverata abbondante di zucchero e messo tutto in forno caldo a 200° per circa mezz’ora (mi sarebbero bastati una ventina di minuti, ma lasciandola un poco in più si è colorata troppo anche se è rimasta morbida).



Davvero buona, una bella sorpresa perchè non mi aspettavo mi sarebbe piaciuta tanto.

Alla prossima con la ricetta della torta!

0 commenti:

Posta un commento